Leonardo da Vinci

Vergine delle Rocce

Museo Del Louvre, Parigi - Francia
Anno: 1483-1486
Tipo: dipinto
Tecnica: olio
Supporto: tavola
Dimensioni: cm 122 x 199

Nella pala della Vergine delle Rocce, Leonardo interpretò il programma iconografico in maniera completamente originale, pur avendo sottoscritto un contratto che restringeva moltissimo la sua libertà artistica e il suo campo d’azione.

Decise di raffigurare l’incontro tra san Giovannino e Gesù bambino nel deserto, confondendo i riferimenti all’Immacolata Concezione con lo sfondo roccioso, nel quale la Madonna s’inserisce, quasi ne facesse parte, per rievocare il mistero della maternità.

La Vergine delle Rocce fu al centro di una battaglia legale sorta tra i due artisti, Leonardo e Ambrogio de Predis, e i committenti, i frati della Confraternita di San Francesco Grande, per via del prezzo dell’opera e del pagamento dei vari conguagli.

Per risolvere la questione, i due artisti inviarono anche una supplica a Ludovico il Moro, databile 1493, ma ci vollero diversi anni prima che le parti trovassero un accordo, dopo l’intervento di alcuni periti.

Sembra che durante la disputa, Leonardo avrebbe venduto la tavola a Luigi XII, re di Francia. Per questo realizzò una seconda versione della Vergine delle Rocce, che restò in San Francesco Grande fino al 1781, anno in cui si sciolse la Confraternita, e che oggi si trova alla National Gallery di Londra.

Tuttavia, non tutta la critica è d’accordo nell’attribuzione dell’esemplare di Londra a Leonardo, per alcuni fu solo abbozzato dal maestro e concluso dagli allievi.

Da "Opere incerte e la Sacra Sindone"

[...] bottega del Verrocchio. Le attribuzioni più discusse sono quelle riguardanti la Vergine delle Rocce di Londra, la Madonna Dreyfus, l’Annunciazione di Parigi, la Madonna Litta, il Ritratto di una Sforza, il Salvator Mundi [...]

leggi »

Da "Leonardo a Venezia"

[...] segno più famoso è l’Uomo Vitruviano, ma ci sono anche gli studi preparatori della Vergine delle Rocce, dell’Ultima Cena, della Battaglia di Anghiari e della Vergine e Sant’Anna. Vi sono, inoltre, alcune caricature grottesche dalle quali gli artisti locali presero isp [...]

leggi »

Da "Leonardo a Milano"

[...] , la Madonna Litta, la Belle Ferronniere, la prima versione della Vergine delle Rocce e il Salvator Mundi. Eseguì anche gli affreschi nel Castello Sforzesco, interrotti forse a causa della morte di sua madre Caterina. Dell’opera oggi resta solo l’affresco della Sala [...]

leggi »

Da "La pittura di Leonardo"

[...] icologico dei soggetti ritratti. Questo è il periodo del Ritratto di Musico, della Vergine delle Rocce, della Madonna Litta, della Dama con l'ermellino e della Belle Ferronnière. La massima espressione della pittura di Leonardo è certamente  [...]

leggi »

Altre pagine che parlano di Vergine delle Rocce

Primo periodo milanese (1482 – 1490)

Altre opere di Leonardo da Vinci


L'arte è un'astrazione: spremetela dalla natura sognando di fronte ad essa e preoccupatevi più della creazione che del risultato.
Paul Gauguin


L'arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro.
<