Andrea Mantegna

Piazzola sul Brenta, Padova, 1431 - Mantova, 1506

Origini e formazione (1431 – 1459)

Andrea Mantegna nacque nel 1431 in provincia di Padova e fu un grande pittore e incisore del Rinascimento. Iniziò la sua carriera artistica presso Francesco Squarcione, pittore e collezionista d’arte padovano.

L’ambiente della sua formazione fu ricco di stimoli culturali, i quali gli diedero ottime basi su cui sviluppare un nuovo linguaggio, influenzato fortemente dalle novità degli artisti rinascimentali Toscani, soprattutto Donatello.

L’opera di Mantegna è caratterizzata da riferimenti costanti al mondo classico, attenzione che ha sempre mantenuto ed ha evoluto grazie anche agli stretti contatti con importanti umanisti e letterati dell’epoca, come Felice Feliciano e Giovanni Marcanova.

Uno dei suoi primi lavori fu la decorazione della cappella Ovetari, nella chiesa degli Eremitani a Padova, in collaborazione con Nicolò Pizzolo, Giovanni D’Alemagna e Antonio Vivarini. Iniziati nel 1448, a causa di divergenze stilistiche e della morte di alcuni tra gli artisti coinvolti i lavori furono interrotti.

Tra il 1449 e il 1452 soggiornò in diverse occasioni a Ferrara, dove realizzò l’Adorazione dei Pastori ed ebbe occasione di vedere le opere di Rogier van der Weyden e di Piero della Francesca.

A Padova, nel 1452, Mantegna eseguì la decorazione della lunetta sul portale della basilica del Santo.

A partire dal 1453, riprese da solo i lavori nella cappella Ovetari, sospesi pochi anni prima, completandola con una serie di affreschi tra i quali il Serafino e il Martirio e trasporto del corpo decapitato di San Cristoforo, opera caratterizzata da uno stile e un impianto compositivo più evoluti che riescono a esprimere un’intensa carica drammatica.

Tra il 1453 e il 1454 Mantegna realizzò, su commissione dei monaci di Santa Giustina, il polittico di San Luca, oggi conservato alla Pinacoteca di Brera, e dipinse la Sant’Eufemia per l’altare maggiore di Sant’Antonio a Padova, oggi custodita nel Museo di Capodimonte a Napoli.

L’Orazione nell’orto e la Presentazione al Tempio sono dipinti del 1455, opere caratterizzate dall’uso di tonalità e colori caldi e da una morbida plasticità, rispettivamente a Londra e a Berlino. Le due opere mostrano similitudini con gli omonimi quadri di Giovanni Bellini, del quale Mantegna era cognato avendone sposato la sorella Nicolosia nel 1453.

Nel 1456 Mantegna soggiornò per un periodo a Venezia, dove realizzò dei cartoni per il mosaico della cappella Mascoli in San Marco. A Venezia aveva intensi rapporti con gli artisti locali, specie con quelli della bottega di Jacopo Bellini, suo suocero.

Tra il 1457 e il 1458 realizzò la Pala di San Zeno per la basilica di Verona e il primo di tre San Sebastiano, oggi conservato a Vienna.

Tra il 1458 e il 1460 Mantegna realizza alcuni affreschi, presso residenze private, oggi andati persi che, però, ha forse ripreso in alcune incisioni successive.

La bella illusione del mondo del sogno, dove ogni uomo è artista pieno, è madre di ogni arte figurativa e altresì, come vedremo, di una metà importante della poesia.
Friedrich Nietzsche
L'età che vola discorre nascostamente e inganna altrui, e niuna cosa è più veloce che gli anni, e chi semina virtù fama raccoglie.
Leonardo da Vinci

Il Rinascimento

Il Rinascimento si sviluppò tra la fine del Medioevo e l’inizio dell’età moderna a partire da Firenze, in un arco di tempo iniziato dalla seconda metà del 1300 circa fino a tutto il XVI secolo, le differenze cronologiche secon...

<